Il lago d’Iseo è un luogo che non finisce mai di stupire: ecco perché è così apprezzato (e invidiato) da tutto il mondo

Dal ponte di Christo a Masterchef… la scelta ricade sempre su questo magico luogo

 

Giovedì scorso stavo facendo zapping sul divano, quando ho visto di sfuggita un ambiente che mi sembrava conosciuto.

Fermo il mio zapping compulsivo e guardo meglio: C’era un programma di cucina, Masterchef.

Non sono un grande appassionato del genere, ma non è questo il motivo per cui te ne parlo. È stata la location ad avermi attirato.

 

Il lago d’Iseo!

Ho commentato insieme a mia moglie: “D’altronde scelgono le mete più caratteristiche d’Italia, perché avrebbero dovuto dimenticarsi del nostro lago?”.

Che poi, Masterchef.

Non sono stati nemmeno i primi a renderlo famoso!

 

Infatti al lago, c’era già arrivato Christo nel 2016, stendendo un’immensa passerella sullo specchio d’acqua. Ha attirato turisti da tutto il mondo, trasformando una bellezza naturale in un’opera monumentale a cielo aperto.

Altro che lago di Garda…

Fonte: Sole24ore

 

 

Al che, ho avuto un flash: apro al volo il blog di GCase e mi rendo conto che non ho mai parlato del lago d’Iseo sul nostro sito, nonostante tutto quello che ha da offrire.

Pazzesco, vero?

 

 

Ma voglio rimediare subito: in questo articolo parleremo proprio di questo magnifico luogo, situato a meno di un’ora e mezza di macchina da Bergamo.

E questo è solo il suo primo punto di forza!

Oggi te ne racconterò altri 5, per farti conoscere un po’ meglio questo luogo – e fartene innamorare!

 

Attenzione: Non ci sono solo questi “5 punti di forza” da scoprire, ma sono quelli per cui la zona è più conosciuta.

Eccoli.

 

1.  Lovere – uno dei borghi più belli d’Italia

Lovere, come il borgo di Gromo, è stato premiato come uno de “I Borghi più belli d’Italia” per il suo patrimonio artistico e architettonico.

Pensa che questa piccola cittadina sconosciuta è stata una delle mete preferite di Lady Mary Wortley Montagu (la prima donna/artista turca della Storia) che, con molto “buon gusto”, l’ha definita “il luogo più romantico che abbia mai visto in vita mia”.

Ma so che non ti basta una citazione Ottocentesca per farti conoscere Lovere, me ne rendo conto. Ora ti racconto molto di più!

 

In un piccolo borgo di neanche 6000 abitanti, puoi trovare:

  • la Basilica di S. Maria in Valvendra costruita nel Quattrocento, in pieno Rinascimento;
                                         Fonte Lovereeventi.it

 

  • la ricca Galleria dell’Accademia Tadini con le opere Stele Tadini e Religione di Antonio Canova;
Fonte: Wikipedia
  • l’imponente Torre Civica con il suggestivo percorso di risalita interna;
Fonte: Wikipedia
  • il Santuario delle Sante loveresi;
Fonte: Vistilakeiseo.info

E infine il Porto Turistico. Non un porticciolo qualunque, ma uno dei porti tra i più grandi e moderni – d’Europa.

Fonte: loveremarina.com

Ah, dimenticavo un dettaglio: il lungolago è il percorso ideale per potersi godere le migliori giornate di sole, passeggiando con la famiglia e godersi il primo caldo primaverile.

Fonto: fotoeweb.it

Ma se non ti bastasse ancora la proposta culturale di Lovere? Mi fa piacere, perché il prossimo punto ti lascerà senza parole!

 

2. la Pinacoteca “Gianni Bellini” di Sarnico

Sulla sponda sud-occidentale del lago, c’è la piccola cittadina di Sarnico.

Fonte: in-lombardia.it

Ormai ti conosco e so che non ti basta sapere che Sarnico – con il suo lungolago, i negozi e le bellezze naturalistiche circostanti, è uno dei luoghi più amati di tutta la regione.

Ti devo “ingolosire” ancora di più, per convincerti a visitarla.

Torniamo a parlare di arte. 

A Sarnico puoi visitare la prestigiosa Pinacoteca “Gianni Bellini” (Link), edificio risalente XV sec. che ospita più di 150 opere donate alla collettività da Don Gianni Bellini, di cui puoi ammirarne qualcuna qui sotto.

fonte: parcooglionord.it

Ma non finisce qui! Sarnico è famosa per i Cantieri Nautici Riva e per le sue Ville in stile Liberty ad opera dell’architetto Sommaruga.

Fonte: ecodibergamo.it

Insomma, niente male! E non siamo nemmeno a metà dell’articolo… passiamo ora dalle cittadine lungolago… ai  borghi in centro-lago!

 

3. Monte Isola – la terza migliore località turistica europea

Ti fermo subito. Questo premio non me lo sono inventato io, ma è successo per davvero! Qui trovi la notizia

Tra l’altro è una classifica del 2019 quindi… non ci sono scuse per perdersi l’isola di lago più grande d’Europa, composto da 11 gemme incastonate nell’isola. 

Dei piccoli centri abitati che ti faranno vivere un’atmosfera del passato e conoscere le arti e i mestieri che ormai non esistono più.

Anche gli appassionati di trekking troveranno pane per i loro denti. Sì, si può raggiungere la cima!

Inoltre, chi raggiunge la vetta può riscuotere una ricompensa davvero preziosa: infatti, arrivando al Santuario della Madonna della Ceriola si può ammirare l’intero panorama del lago, senza nemmeno un ostacolo.

 

Fonte: bresciatourism.it

Una meta che non puoi perderti per nessuna ragione al mondo.

Ti consiglio, per esperienza di molti turisti, di dedicare almeno una giornata a questa gita: così potrete visitare i piccoli borghi e magari salire anche al Santuario.

Oppure, ancora meglio, un intero weekend – così da poterti godere il sole sulle spiagge, mentre aspetti l’ora del pranzo  o della cena.

Ho parlato di mangiare? Ti dò una dritta: se sei appassionato di vino, amerai la zona meridionale del lago.

4. la Franciacorta e il suo Vino

Fonte: wikipedia.org

La Franciacorta con i suoi vini, è a un passo dal lago d’Iseo, come puoi vedere nella foto.

Di vigneti in Italia, ce ne sono tanti. Eppure, il vino di questa zona è unico. No, non lo dico per esagerare – è davvero speciale!

Pensa che è talmente famoso e riconosciuto a livello internazionale che non ha una definizione. È Semplicemente “Franciacorta”.

È illegale etichettarlo o presentarlo con altri nomi o aggettivi (come “spumante Franciacorta”).

Fonte: viaggionelmondo.net

Ma la Franciacorta non è solo “bere vino” perché, in questa zona, puoi visitare le magnifiche cantine che danno vita a questa incredibile tradizione – presente fin dall’ IX secolo. Hai capito bene: sono presenti vigneti da più di 1200 anni.

Fonte: forbes.com

Perciò non perdere l’occasione di una visita guidata nella cultura di questa terra, con degustazione inclusa!

Ricapitoliamo. Hai scoperto il lago, l’hai ammirato dalla vetta dell’Isola, hai potuto degustare il suo vino… e ora? Non resta che conoscere i suoi divertimenti!

5. Gite e divertimenti al lago d’Iseo!

Come tutta la Val Seriana, anche il lago d’Iseo è ricco di “cose da fare”.

Non credo riuscirò ad approfondire in un solo punto tutto quello che ci sarebbe da dire.

Ma ti faccio una promessa: completerò, articolo dopo articolo, anche questa sezione “lago d’ISeo” del blog.

Così, avrai sempre a tua disposizione gratuitamente e sempre disponibile una guida completa per trascorrere le vacanze al lago.

Non male, vero?

Ma torniamo a noi. 

Partiamo dall’elemento dell’acqua.

Oltre ai classici lidi con piscine e impianti sportivi, il lago a tua disposizione per ogni genere di attività; dalla vela al wakeboard, passando per il wakeskate, il wakesurf e il kayak.

Ti basterà cercare il primo lido attrezzato, noleggiare ciò che ti serve e… divertirti!

Sei alla ricerca di qualcosa di più… rilassante? Per tua fortuna, le bellezze del lago si riescono ad ammirare anche dal battello, con gite per tutti i gusti.

Si parte dal tour “all inclusive” che ti porterà a Monte Isola e alle due altre due isole, come Loreto e San Paolo. Luoghi tutti da scoprire!

 

Fonte: lagoiseo.it

 

Oppure, oltre al tour di cui ti ho appena parlato, puoi muoverti tra le varie sponde con i battelli (adibiti a taxi del lago), così da visitare monumenti, musei e anche per godersi la vita quotidiana dei piccoli borghi con lunghe passeggiate tra storia e arte, e dare un occhio alle vetrine dove poter fare shopping!

Torniamo sulla terraferma, parlando delle due ruote. Per chi ama la bicicletta c’è un grande problema: ci sono troppe alternative tra cui scegliere!

Puoi goderti le piste ciclabili lungo le sponde e nella zona circostante, dove puoi conoscere meglio la cultura del luogo con delle esperienze di cicloturismo, organizzati appositamente in itinerari di grande interesse.

Ovviamente, ma ne abbiamo già parlato, il percorso più caratteristico da percorrere è proprio quello di Monte Isola, grazie ai suoi panorami e alla sua ricompensa per chi arriva in cima.

E per chi ama le escursioni a piedi? No problem, ti porto con me nella Via Valeriana. 

Si racconta che la via Valeriana – “L’antica via” – sia stata opera dei Romani, per muoversi più agilmente tra le varie valli.

Oggi è diventato un sentiero, che ti permette di rivivere quel percorso seguito da persone, merci, pastori e animali – il tutto, sempre, con vista lago.

Non solo aria pulita! Tramite questa Via puoi scoprire l’epoca romana camminando fino al Santuario di Minerva vicino a Breno oppure proseguendo fino al Teatro (ed Anfiteatro) a Cividate Camuno.

 

Una via che per secoli è stata l’unico collegamento tra il lago e la Val Camonica. Una via che ti porterà sulla sponda bresciana, attraversando colline e ammirando panorami mozzafiato.

Dimenticavo: è un percorso di 25/30 km (percorribile anche in bicicletta) – segnalato da una V gialla e marrone.

 

fonte: viavaleriana.it

Infine, per gli appassionati della natura e degli animali, consiglio di visitare le 3 riserve naturali presenti attorno al lago. Sono:

Le Torbiere del Sebino: la meta ideale per gli appassionati di birdwatching e fotografia, nel mentre che si attraversa un’oasi protetta – dove nidificano numerose specie di uccelli nel mezzo della flora palustre e sugli specchi d’acqua. Anche perché, l’ambiente cambia e regala panorami molto diversi a seconda delle stagioni.

 

Fonte: wikipedia.org

Le Piramidi di Zone: Chiamate così per l’effetto dell’erosione della roccia, ricordano in tutto e per tutto quelle egizie, come puoi vedere qui sotto.

 

Fonte: inalto.org

Infine, c’è la Valle del Freddo: che nonostante la bassa altitudine (tra i 350 e i 700 metri s.l.m.) è abitata da flora e fauna che dovrebbe vivere molto più in alto. Perché accade? Un fenomeno unico, conosciuto come le “Buche del freddo”, da cui viene emessa dell’aria gelida che abbassa la temperatura.

 

E con questa ultima foto, ho terminato di presentarti il lago. Presentarti – perché siamo solo all’inizio. Ma, come ti ho già promesso, ritornerò presto sull’argomento.

D’altronde è un peccato che un luogo del genere sia ancora sconosciuto ai più (e che servano televisione e artisti per farlo conoscere).

 

Ma ti dirò. Per molti turisti, che hanno la loro seconda casa qui – non è un problema che si parli poco del lago d’Iseo. In fondo, hanno tutto quello che desiderano (e che anche tu hai potuto assaporare), senza la confusione delle orde di turisti, che scelgono altre mete.

 

Tradotto:

 

  • Meno turisti;
  • Meno confusione;
  • Meno prezzi folli – come si vedono nelle mete più frequentate;

 

Un “luogo segreto” niente male, vero?

Anche perché nel vantaggio “Meno prezzi folli” è compreso anche il prezzo delle seconde case. 

 

“Rischi” di acquistare una casa vista lago, ad ⅓ di quanto la pagheresti in altre regioni e valli più conosciute, senza rinunciare a nulla – dal divertimento alla cultura, come hai potuto scoprire oggi.

 

Insomma…

Vuoi scoprire quali opportunità ci sono per te al lago d’Iseo? Clicca qui sotto per trovare la tua prossima seconda casa!

TROVA LA TUA SECONDA CASA

 

A presto
Stefano Pagnoncelli,
Direttore Commerciale GCASE

Tags:

Hai delle domande?