Lovere: una meta turistica d’eccezione, fin dall’Ottocento

Ti presento uno de “i borghi più belli d’Italia” sulle sponde del meraviglioso lago d’Iseo

Quando ti ho raccontato del lago d’Iseo (in questo articolo), una delle “chicche” su cui mi sono soffermato di più è stato il borgo di Lovere.

 

E non è stato un caso!

 

Lovere, infatti, è un luogo unico, al confine tra Bergamo e Brescia, affacciato su uno dei laghi più apprezzati d’Europa (perfino dagli artisti).

Ma da dove cominciare per raccontarti questa località?

Possiamo iniziare dal suo passato, ricco di storia e di reperti. Pensa che i primi resti risalgono perfino all’epoca dei Celti (siamo nel 400 a.C. circa)! La sua storia, però, non è pacifica come potrebbe sembrare: viene conquistata prima dai Romani e poi dai Longobardi.

Dopo i Longobardi, ancora nessuna pace, dato che viene conquistata dai Franchi, che costruiscono alcune fortificazioni – presenti ancora oggi (come la Torricella Rotonda).

 

Fonte: myvalley.it

 

Immense fortificazioni di cui possiamo, purtroppo, solo ammirarne i resti. Infatti i Veneziani, secoli dopo, ne demoliranno la gran parte e renderanno Lovere una città controllata da Bergamo e non più da Brescia.

 

Proprio in questi anni, Lovere raggiunge uno dei suoi massimi punti di splendore e che, secoli dopo, la renderà meta di grandi viaggi turistici.

 

Di fronte al lago, le ville in stile liberty perfettamente conservate, costruite a cavallo tra l’Ottocento e il Novecento – anni in cui Lovere diventava un luogo “chic” per famiglie nobili durante i mesi estivi.

Una lunga storia per un borgo di poco più di 5.000 abitanti, non ti pare?

 

lombardiabeniculturali.it

 

E c’è solo un modo per ammirare tutta la sua cultura. Si parte, come ogni viaggio che si rispetti, dal suo centro storico. Che cosa si nasconde?

Il centro storico di Lovere

Il centro geografico, oltre che storico: stiamo parlando della sua piazza principale, piazza Vittorio Emanuele II. Da qui, il primo monumento che si può notare è la torre di epoca medioevale.

montagnepaesi.com

Perché ti ho fatto cominciare il tour di Lovere proprio da qui?

Molto semplice: da questa piazza si possono raggiungere (in meno di 10 minuti a piedi) ben tre monumenti che hanno segnato la storia di questo borgo.

Ci sono la Torre degli Alghisi e la Torre Soca, risalenti al periodo rinascimentale (e dei conflitti tra Guelfi e Ghibellini) che puoi ammirare – qui sotto.

tripadvisor.it

 

tripadvisor.it

 

Ahimé, queste torri sono ciò che resta delle immense mura e delle fortificazioni di Lovere – poi abbattute nell’epoca della dominazione veneziana e di cui non ci resta più nulla.

Eppure bastano queste torri per farti respirare la storia di questo piccolo borgo, a due passi dal lago d’Iseo.

Forse te ne sei dimenticato, ma siamo affacciati sul lungolago – a neanche 100 metri dalla costa.

Che altro raccontarti del centro storico? Ah sì!

A Lovere puoi ammirare l’unione di due culture molto diverse: infatti, nella Chiesa di San Giorgio (medioevale) si trova una mostra di dipinti italiani e fiamminghi (di epoca Settecentesca).

Fonte: visitlake.info

Un contrasto che esalta sia il passato religioso che la cultura pittorica. 

E a proposito di arte…

Camminando sul lungolago una tappa OBBLIGATORIA è sicuramente la Galleria dell’Accademia di Belle arti Tadini.

Detto così, sembra una semplice galleria d’arte (come puoi vedere in foto qui sotto) ma… c’è molto di più.

È una scuola ancora attiva, dalla sua fondazione nel 1829, e studenti da tutta Italia arrivano qui per studiare Musica e Disegno.

 

Fonte: ilmaredibergamo.it

 

Ma la vera eccezionalità sta nelle opere conservate: alcune sono addirittura di Canova, Jacopo Bellini e del Tiepolo. 

Fonte: artribune.com

 

Ma Lovere non è solo lungolago: è il momento di salire tra le colline!

Percorriamo le numerose vie, coloratissime, che si aprono su piccole piazze medievali, circondate di tante piccole fortificazioni. In queste vie si alternano piccoli locali con insegne altrettanto colorate.

Ritornando sul lungolago, si trovano tanti fiori e uno punti più importanti del borgo, di cui ti ho già parlato: l’Accademia Tadini e la Piazza XIII Martiri.

 

Fonte: Tripadvisor.it

 

Eleganti palazzi, ristoranti e negozi (di cui parleremo dopo), fanno da sfondo per questo borgo che di notte s’illumina! E regala uno spettacolo di luci uniche in Italia.

Fonte: tripadvisor.it

Un po’ di fame dopo tutti questi giri nel borgo? Ecco cosa assaggiare a Lovere!

Il menù tipico di Lovere

La fortuna culinaria di visitare un borgo come Lovere è la sua doppia tradizione di Brescia e Bergamo.

Si parte dal più classico tagliere di salumi e formaggi della zona (proveniente dalla Val Brembana), oltre all’arcinota “Polenta e osei”, conosciuta in tutta Italia.

Altro piatto da assaggiare assolutamente sono i casoncelli ripieni di carne, per poi concludere con la zucca.
Oppure… puoi scegliere il pesce, dato che arriva fresco fresco dal lago – dove viene pescato ispirando molte ricette (comprese quelle di Masterchef…).

 

E dopo pranzo?

Beh, è il momento di un po’ di shopping…

Lo shopping a Lovere, con passeggiata sul Porto turistico

Anche se stiamo visitando un borgo di soli 5.000 abitanti, Lovere è ben fornita anche di negozi: sul lungolago (e nelle vie interne) si alternano piccoli negozietti della tradizione insieme a quelli dedicati alle marche più rinomate.

E proprio proseguendo sul lungomare si può incrociare il Porto turistico del borgo.

Fonte: lovereeventi.it

Non una semplice “rimessa di barche” come ci si potrebbe aspettare, ma una delle strutture nautiche più moderne e attrezzate di tutta l’Europa.

Una cura architettonica che si può notare nel suo stile unico e nella “filosofia” di questo luogo: ci sono spazi verdi, luoghi ricreativi e commerciali – con tantissime attività sportive.
Insomma:  un luogo dove godere della bellezza del paesaggio in un’atmosfera raffinata e rilassante (o emozionante, per chi ama lo sport!).

 

E parlando di sport, passiamo alla sezione dedicata agli sportivi e agli amanti delle avventure: che cosa offre Lovere per loro?

Lo sport al Lago di Iseo: dalla visita di Monte isola alla bicicletta

Se ti ricordi, già ti avevo parlato di quali sport e quali attività puoi fare sul lago d’Iseo (e che puoi recuperarti qui).

 

Per chi ama la bicicletta, la scelta del percorso è davvero complessa, dato che ci sono ben 60 km di lago da costeggiare, prima di tornare a Lovere. E siamo solo attorno al lago!

Se vuoi fermarti prima e visitare le altre chicche qui attorno, hai l’imbarazzo della scelta:

● Paratico;
● Iseo;
● Sulzano;
Riva di Solto;
● Predore e
Sarnico

sono solo alcune delle mete preferite dai turisti di tutta Europa. L’altra gita, classica, è quella di Monte Isola che, tanto per dire, è la più grande isola lacustre dell’Europa centro-meridionale e terza migliore località turistica europea nel 2019.

Tu sapevi che a così poca distanza da casa tua esistesse un luogo del genere?

Fonte: bresciatourism.it

 

Il traghetto è la via obbligata, con la possibilità di caricare anche le bici (e proseguire la salita sulla vetta – che ne vale davvero la pena).

Anche per chi vuole rimanere all’altezza del lago, può ritenersi soddisfatto: avrà i piccoli borghi da visitare e da “assaggiare” nei ristoranti sparsi in quest’isola paradisiaca.

Ma non solo bici: si può noleggiare una barca o un kayak per seguire il vento e le onde del lago oppure rimanere sulle numerose spiagge del luogo.

E con questo ultimo momento di relax sul lago… abbiamo terminato la nostra visita a Lovere.

 

Un luogo magico con un’enorme eredità storica ma che sa stare al passo con i tempi, per offrire una vacanza (o un weekend di svago) ai turisti di tutta Europa.

E, proprio accanto a questo gioiellino, si trova Sovere.

Meno famosa rispetto a Lovere, ma è – per molti – il luogo ideale per sistemarsi con la propria seconda casa.

Sovere, come puoi vedere nella foto, è a CINQUE minuti da Lovere, e si trova a metà strada tra la Val Seriana (di cui ti ho raccontato qui) e il lago d’Iseo. 

 

Una vera fortuna per chi ama sia il lago che l’alta montagna, con le sue passeggiate – che d’inverno diventano lunghe giornate sulla neve.

A questa caratteristica, devi considerare anche il costo molto inferiore rispetto alle mete molto più conosciute come il Trentino e la Valle d’Aosta – pur non facendoti mancare nulla.

 

Puoi scegliere il lago, come abbiamo fatto noi oggi, oppure la montagna – il tutto a poca distanza.

Ed ecco perché molti dei nostri clienti scelgono Sovere: Immobili a prezzi contenuti per godersi poi lago & montagna a piacimento. 

 

Stai cercando una seconda casa al lago o in montagna? Possiamo aiutarti… anche se vuoi avere entrambi a portata di mano!

TROVA LA TUA SECONDA CASA 

 

A presto,

Stefano Pagnoncelli

Direttore Commerciale GCASE

Tags:

Hai delle domande?